Compravendite, accordo geometri e notai per la conformità catastale

Perizie tecniche facoltative, redatte dai geometri, da allegare ai trasferimenti immobiliari per dimostrarne la regolarità edilizia

Rendere gli atti dei trasferimenti immobiliari in linea con i più elevati standard di sicurezza anche sotto il profilo urbanistico ed edilizio; questo l’obiettivo principale del protocollo d’intesa firmato l’11 dicembre 2014 tra il presidente del Consiglio Nazionale del Notariato, Maurizio D’Errico, e il presidente del Consiglio Nazionale dei Geometri e Geometri Laureati (CNGeGL), Maurizio Savoncelli.

In base all’accordo ci sarà la possibilità di allegare ai trasferimenti immobiliari una perizia tecnica facoltativa, redatta dal geometra, nella quale risulti la conformità catastale allo stato di fatto e l’esame edilizio e urbanistico.

Oggi infatti il ruolo del notaio è di assicurare un trasferimento assolutamente sicuro sotto il profilo della commerciabilità dei beni immobili. Grazie alla perizia tecnica, redatta su incarico del venditore e su conseguenti specifiche indicazioni e richieste del notaio, sarà garantita anche la sicurezza sotto il profilo dell’esame tecnico sulla regolarità edilizia e sulla agibilità.

Così facendo tutti i soggetti coinvolti nelle trattative avranno la certezza della regolarità urbanistica e dell’agibilità dell’immobile e allo Stato sarà assicurata una minore incidenza del contenzioso e delle procedure amministrative di sanatoria delle irregolarità.

Commentando l’accordo il Presidente del CNGeGL, Maurizio Savoncelli ha dichiarato: “L’iniziativa conferma il ruolo di protagonista interpretato dalla Categoria nella rete delle professioni tecniche. Le nostre competenze sono di tipo unico e rappresentano un solido perno da cui far partire il rilancio del settore edile. La professione del Geometra è in continua evoluzione e in costante aggiornamento ed è pronta a porsi al servizio del Paese intero”.

Infatti, secondo il comunicato del CNGeGL, i principi che hanno ispirato la nascita di questo protocollo d’intesa sono la valorizzare le competenze, incentivare lo sviluppo delle rispettive attività, promuovere iniziative ispirate alla collaborazione tra le professioni tecniche; per far questo il CNGeGL si impegnerà a divulgare alle categorie aderenti alla Rete delle Professioni Tecniche anche al fine di consentirne la eventuale adesione.

edilizia_1